Cibo spazzatura quali sono i rischi e le conseguenze per fegato e girovita

Image
14/07/2023

Se si esagera con il fast food e con i cibi molto elaborati e ricchi di grassi, fegato e girovita ne risentono non poco: lo hanno dimostrato due diverse ricerche che confermano come cedere alla tentazione del cibo spazzatura sia una seria minaccia per la salute.

Fegato e obesità

La prima indagine, condotta da ricercatori dell’Università della California del Sud su circa 4mila persone, ha dimostrato che una persona su tre, almeno negli Stati Uniti e nel campione analizzato, introduce circa il 20 per cento delle calorie quotidiane da cibi del fast food; in queste persone si accumula grasso nel fegato che «strangola» l’organo compromettendone la funzionalità. E non va meglio al girovita, visto che una ricerca dell’università di Sidney ha dimostrato che proprio i cibi del fast food sono i maggiori responsabili dell’obesità: dallo studio, condotto su circa 9.500 persone, emerge come all’aumentare delle calorie da cibi grassi ed elaborati cresca di pari passo l’indice di massa corporea e il livello di obesità.

Purtroppo questi junk food ci «accalappiano» con il loro sapore: sebbene non sia certa per esempio l’esistenza di una dipendenza da zuccheri, di certo si può diventare dipendenti dal cibo in generale e in special modo dai prodotti che uniscono carboidrati e grassi, come tanti alimenti da fast food, perché questo «mix» accende molto di più i centri cerebrali della ricompensa rispetto ai prodotti che hanno l’uno o l’altro nutriente.

I grassi più cattivi

Purtroppo, poi, nei cibi del fast food, industriali o molto elaborati può capitare di incontrare i grassi più cattivi di tutti, quelli trans : derivano per lo più dai processi industriali che aggiungono atomi di idrogeno ai grassi vegetali così da renderli solidi a temperatura ambiente e facilitare la lavorazione degli alimenti, dare corpo ai prodotti e aumentarne la durata sugli scaffali. Sono pericolosi perché aumentano il colesterolo, favoriscono l’infiammazione e la formazione di placche aterosclerotiche, sembrano perfino peggiorare la memoria e per di più pare non esista una soglia sicura per il loro consumo, per quanto bassa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto di eliminarli completamente dai prodotti industriali entro il 2023, nel frattempo per tutelarsi occorre leggere bene le etichette dei cibi industriali ed evitarli se c’è la scritta grassi vegetali idrogenati o parzialmente idrogenati. 

Fonte: https://www.corriere.it/salute/nutrizione/23_luglio_14/cibo-spazzatura-rischi-conseguenze-fegato-girovita-522d58e6-1672-11ee-8359-e19741a1a8b1.shtml